Asere Que Bola - A Cuba, esa loca y maravillosa isla
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è online?
In totale c'è 1 utente online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Aprile 2021
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Ejemplo de las barbaridades de las disidencia Cubana

Andare in basso

Ejemplo de las barbaridades de las disidencia Cubana Empty Ejemplo de las barbaridades de las disidencia Cubana

Messaggio Da arcoiris Dom 30 Set 2012 - 23:13

Muchas veces he constatado la presencia de barbaridares de la disidencia cubana y de los bloggers
Hoy en Internet me encontré con un texto de nuovacuba, usuario que tuve un encendida conversación sobre el futuro de Cuba.


Esto es su blog: http://nuovacuba.wordpress.com , sin comentar los artículos, es un blog bastante interesante.


Y esto fue el texto que el publicó ayer el 29 de Septiembre 2012, donde les quiero demostrar como trabaja la disidencia Cubana.



FERMATI A CUBA QUATTRO GIORNALISTI ITALIANI
Si tratta di Ilaria Cavo e dell’operatore Fabio Tricarico di TgCom, del fotoreporter del Corriere Stefano Cavicchi e di Domenico Pecile del Messaggero Veneto

La conferma arriva direttamente dalla Farnesina: «La giornalista di Mediaset e inviata di Videonews a Cuba Ilaria Cavo, il cronista del MessaggeroVeneto Domenico Pecile, il fotoreporter del Corriere della Sera Stefano Cavicchi e l’operatore Fabio Tricarico sono stati fermati a Cuba» dove si trovavano per la vicenda del duplice omicidio di Lignano. La notizia era stata resa nota inizialmente da Claudio Brachino, direttore di Videonews: «Ieri sera la Cavo – ha detto in diretta il giornalista – era con Tricarico e con Cavicchi e stava tornando a L’Avana, dopo aver realizzato una parte del reportage, quando sono stata fermati dalle autorità. La rappresentanza diplomatica italiana è stata immediatamente avvertita. Ilaria – ha detto Brachino – non ha fatto nulla di illegale. Ha realizzato interviste assolutamente lecite».

LA TRASFERTA A CUBA – «Siamo stati interrogati per 10 ore 1 – ha raccontato invece Stefano Cavicchi, l’unico che sarebbe già stato rilasciato nella notte e che è riuscito a recuperare un telefonino -. Ci hanno portato via i passsaporti e hanno cancellato filmati e fotografie dalla memoria di macchine e telecamere. Siamo in attesa per questa mattina del processo che deciderà la nostra sorte2». A Cuba era stato rintracciato dagli inquirenti il fratello di Lisandra, Reiver Laborde Rico, 24 anni, indagato come lei per l’omicidio di Lignano Sabbiadoro. Omicidio in cui erano stati uccisi Rosetta Sostero di 65 anni e il marito e Paolo Burgato, di 69, titolari di un’attività commerciale nel centro della località balneare friulana. I giornalisti stavano proprio indagando sull’omicidio di Lignano ed erano riusciti ad entrare in contatto con il fratello di Lisandra. Appena informata del caso, la nostra sede diplomatica a Cuba si è subito attivata con le autorità locali ed ha avviato contatti diretti anche con i familiari.

IL FERMO – Cavicchi ha precisato di «essere stato fermato da sei agenti che hanno fatto irruzione in casa di Reiver» mentre lui lo fotografava con le bambine e la moglie.3 Materiale fotografico e girato sono stati distrutti: «Computer e schede sono state tutte ripulite» ha ribadito Cavicchi, segnalando che Reiver «è molto sereno e dice di essere estraneo al duplice omicidio». «Dopo l’interrogatorio mi hanno riaccompagnato in hotel piantonato dalla polizia cubana. Ho visto anche Ilaria – ha proseguito Cavicchi – sta bene e si trova in una casa sempre scortata dalle forze dell’ordine. È seccata per la bella intervista fatta che è stata ripulita, come è accaduto anche al collega di Udine, Pecile». Il fotoreporter ha evidenziato di essere arrivato con i colleghi tre giorni fa a Cuba con un visto turistico. E proprio questo potrebbe il motivo del fermo.

http://nuovacuba.wordpress.com/2012/09/29/fermati-a-cuba-quattro-giornalisti-italiani/



1. En realidad el interrogatorio duro 3 horas como dice la misma Ilaria en un vídeo en el Noticiero de Canale 5
2. No hubo ningún juicio
3. Otra mentira, miren aca: Cavo, ha spiegato Claudio Brachino, direttore di Videonews, stava tornando a L'Avana, dopo aver realizzato una parte del reportage, quando è stata fermata a Camaguey dalle autorità. http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1062185/cuba-i-giornalisti-italiani-saranno-espulsi%3Cbr%3Eilaria-cavo-ci-hanno-ridato-i-passaporti.shtml


El problema en este caso fue, que los periodistas llegaron con una VISA de TURISMO y con esa no es permitido hacer ningún tipo de reportaje.
En este caso, ellos tenian que pedir la VISA especial para los periodistas en la embajada Cubana o llegando en Cuba directamente en Inmigración.
Mirando un poco en internet, pude también constatar que para lo EEUU (United States of America) hace falta una Visa de Periodismo como dice la embajada en el sitio:
Visas for Members of the Foreign Media, Press, and Radio http://travel.state.gov/visa/temp/types/types_1276.html
Y para aquellos que quieren hacer reportaje en Europa, existe una VISA FOR JOURNALIST http://www.vfs-france.com.cn/images/Visa%20for%20journalist.pdf


Ahora las disidencia aprovecho de este caso para atacar Cuba y su gobierno, pero me doy cuenta que en todo el mundo hace falta una Visa de Periodismo para hacer reportajes, entrevistas o que se yo.



_________________
Ejemplo de las barbaridades de las disidencia Cubana Cuba_f10
arcoiris
arcoiris
Admin

Messaggi : 15647
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 44
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.